Progetti

 

Rotary_ruota

Commissione Progetti

La Commissione progetti si occupa dell’organizzazione delle attività di servizio a favore di tutta la comunità locale ed internazionale.

Presidente: Francesco Camagni

Membri Commissione

Maria Rita Fiasco: delegato progetto “Mentorship”

Antonietta Ferrigno: delegato progetti Gruppo della Trasgressione

Paola Granelli: delegato progetto “Scuole Materne Sicure”

Elisa Quintè: delegato progetto “Ambiente a piccoli passi”

Charlotte Hermes: delegato progetto “Ippoterapia”

Alessandra Faraone: delegato progetto “Scambio professionale con l’India”

Elena Selli: delegato borse di studio Italo Martina

 

Progetti in atto:

1. Ambiente a piccoli passi

Il progetto, sviluppato insieme al Rotary Club Milanofiori ed a R4H – Rotarians 4 healtH, si rivolge agli studenti delle scuole secondarie di I grado del territorio. La durata del progetto è almeno triennale.

 Il progetto, ex “Clima a piccoli passi”, prevede una rimodulazione rispetto all’idea originaria con lo sviluppo di una nuova App più moderna e che possa fare da contenitore per lo sviluppo di diverse tematiche nel corso degli anni in cui i Rotary Club vogliano porre l’attenzione.

Stiamo cercando anche una sinergia con la Associazione We Are Urban che collabora già all’interno delle scuole su tematiche di rispetto ambientale e del bene pubblico.

Si pensa di chiedere la condivisione del progetto agli altri Club del nostro Gruppo e di chiedere così la Sovvenzione Distrettuale.

L’argomento che verrà sviluppato in questo primo anno è quello di stimolare i giovani sulla tematica della responsabilità individuale nei confronti del cambiamento climatico, a partire dal risparmio energetico e dall’importanza della qualità ambientale.

Si intende sviluppare tra gli studenti un sano comportamento civico attraverso un’analisi critica e l’utilizzo responsabile delle risorse. Vorremmo riuscire a far capire ai ragazzi, abituati ad accendere luce o riscaldamento o il rubinetto a seconda di comode abitudini, che milioni di piccoli atti di questo genere hanno un valore ambientale enorme e che perciò come tali vanno valutati.

Esperienze fatte confermano che una buona percentuale dei consumi e dei consumi energetici può venire evitata anche senza investimenti, solo grazie al comportamento consapevole di studenti, professori e bidelli.

Il progetto è stato ben sviluppato e si compone in differenti componenti e passi: un APP per la raccolta dei dati, strumenti innovativi di formazione e sensibilizzazione, monitoraggio dell’andamento del progetto, sistema di incentivazione per gli studenti tramite premi.

2. Progetto “Educazione & Rispetto”

Questo progetto “partito” ed ideato dall’idea di molti soci del nostro Club non è potuto partire negli ultimi due anni per tutta una serie di valide motivazioni tra le quali ovviamente la situazione pandemica vissuta.

A questo punto si è pensato ad una sua rimodulazione come seconda tematica da sviluppare nell’App del progetto “Ambiente a Piccoli Passi” descritto in precedenza. Terminati quindi gli sviluppi dell’App e dei contenuti riguardo al clima si inizierà a lavorare sulla creazione dei contenuti per “Ambiente Educato e Rispettoso”.

La tematica è coerente con il nuovo orientamento ministeriale che ha introdotto un’ora di educazione civica obbligatoria.

L’obiettivo è:

  • sensibilizzare i ragazzi e le ragazze ai comportamenti adeguati nei contesti sociali, facendo loro scoprire degli indicatori di rispetto presentando delle situazioni reali a loro ben conosciute. Gli argomenti verranno affrontati presentando contesti noti: di tipo “interno” (classe, casa, cinema, ristorante, …) ed esterni (strada, mezzi pubblici, giardini, …)

3. Progetto “Genitorialità”

La collaborazione con il Gruppo della Trasgressione è attiva da oltre 6 anni e ha generato numerose iniziative.  Alcune tra le tante: i corsi di formazione realizzati insieme alla Croce Rossa che hanno coinvolto i detenuti nel diventare operatori in grado di prestare il primo soccorso; l’iniziativa nelle piazze insieme alla Cooperativa che vende i prodotti ortofrutticoli e nella quale sono stati coinvolti studenti e studentesse liceali, lo sviluppo di un progetto per la prevenzione del bullismo e delle tossicodipendenze e a favore della legalità nelle scuole.

L’anno 2018/2019 ha visto la partecipazione al progetto “Protagonisti dell’avventura” una iniziativa alla quale hanno preso parte esponenti di spicco della cultura, dell’arte, della scienza, dello sport italiani. Fra i più noti: Stefano Zuffi (storia dell’arte), Fausto Malcovati (letteratura russa), Eva Cantarella (mitologia greca), Enzo Funari (psicoanalisi) Edoardo Boncinelli (genetica), Giulio Giorello e Gianni Vattimo (filosofia), Giovanni Soldini (sport vela), Enzo Jannacci e Roberto Vecchioni (cantanti). Un folto gruppo di soci del nostro Club vi ha preso parte portando nei carceri di Opera e di Bollate la testimonianza della propria esperienza di vita e di lavoro.

Il progetto, pensato per l’anno 2020-21 in cui non ha potuto prendere vita per l’impossibilità di incontrarsi di persona, partirà in quest’anno rotariano 2021-2022. Il progetto nasce dalla constatazione che molto spesso il detenuto, soprattutto quando i figli sono molto piccoli, mente sulla propria condizione, non dichiara di essere detenuto in carcere. Spesso con il consenso della moglie, egli racconta ai figli di vivere per esigenze di lavoro in una struttura non meglio specificata. Quando i figli diventano abbastanza grandi, il padre ammette di essere in carcere, ma omette le proprie responsabilità sulla condanna, racconta di errori giudiziari, di essere in attesa di un prossimo chiarimento e di una prossima scarcerazione. Con la guida ed il coordinamento del dottor Aparo alcuni soci si recheranno presso il carcere di Bollate ed Opera per partecipare attivamente ad incontri mensili portando la propria testimonianza di genitori o figli in alcuni momenti di difficoltà di gestione del rapporto genitore-figlio. 

4. Progetto “Palestra della Creatività”

Si tratta di una palestra di creatività, uno spazio di gioco e confronto fra comuni cittadini (soprattutto, adolescenti e giovani adulti del territorio) e componenti del Gruppo della Trasgressione (persone che hanno scontato una pena in carcere e che oggi vivono da nuovi cittadini, studenti universitari in tirocinio, familiari di vittime di reato). Obiettivo ultimo è utilizzare la creatività, con le relazioni e i risultati che ne discendono, per prevenire e contrastare le dipendenze, il bullismo, la devianza.

I soci del Club prenderanno parte attivamente al progetto sotto diverse vesti: membri della commissione giudicante, testimoni di aspetti di vita tramite interviste personalizzate, pubblicazione di opere artistiche (dipinti, restauri, poesie, …).

La partecipazione attiva al progetto è stata fortemente caldeggiata e richiesta dal dottor Aparo del Gruppo della Trasgressione con la convinzione che la testimonianza attiva e diretta dei Rotariani possa dare un contributo molto importante alla crescita umana dei membri del Gruppo.

5. Progetto “Scuole materne sicure”

Quattro anni fa il Club ha curato, insieme ai responsabili del reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Buzzi, la realizzazione di corsi per fornire elementi basici di primo soccorso a TUTTI gli operatori e le operatrici scolastici che operano negli asili nido comunali di Milano ed affiliati poi. Visto il grande successo del progetto, su esplicita richiesta del Comune, nell’A.R. 2019-20 abbiamo iniziato lo svolgimento del corso estendendo l’iniziativa alle educatrici e agli educatori delle scuole materne. Tale Progetto è stato condiviso con altri 8 Rotary Club del Distretto 2041 ed è stato gratificato della Sovvenzione Distrettuale nel 2019-2020.

L’obiettivo nell’anno 2020-21 era quello di portare a termine i corsi iniziati l’anno precedente che avevano interessato 400 operatori tra settembre e febbraio. Purtroppo la situazione epidemiologica ha impedito la ripresa dei corsi nonostante un continuo e collaborativo contatto con la dott.sa Sabrina Feltrin, Responsabile dell’Unità Interventi di Sostegno e Gestione dei Servizi in Appalto, al fine di stendere un nuovo calendario dei corsi.

Di comune accordo i corsi verranno ripresi non appena le condizioni permetteranno a tutti i soggetti coinvolti (insegnanti delle scuole, dottoresse che tengono i corsi, rotariani che intervengono) di poter partecipare in sicurezza.

6. “Borse di studio Italo Martina”

In memoria del Dott. Italo Martina, laureato in Chimica Industriale, scomparso da qualche anno, socio fondatore e primo Presidente del R.C. Milano Duomo, sono stati istituiti due premi di laurea per giovani, senza limiti di cittadinanza, neolaureati in Chimica e Chimica Industriale (lauree triennali) con relatore di tirocinio un professore o ricercatore del Dipartimento di Chimica dell’Università degli Studi di Milano e che siano attualmente iscritti ai corsi di laurea magistrale in Scienze Chimiche o in Industrial Chemistry dell’Università degli Studi di Milano.

Obiettivo:

  • Premiare due giovani laureati, uno in Chimica e uno in Chimica Industriale, con titolo conseguito nel periodo di tempo fra il 01/07/2021 e il 28/02/2022 e con votazione non inferiore a 105/110, attualmente iscritti ai corsi di laurea magistrale in Scienze Chimiche o in Chimica Industriale e Gestionale dell’Università degli Studi di Milano. L’importo dei due premi, da assegnarsi in unica soluzione, viene fissato in euro 1.000 (500 + 500).

Nota di rilievo: il bando, la commissione, la valutazione e la graduatoria vengono effettuati dalla nostra Socia, Elena Selli, professore ordinario di Chimica dell’Università degli Studi di Milano.

7. Ippoterpia.

Negli anni passati il Club aveva partecipato insieme alla Onlus Milano Duomo ad un progetto di Pet Therapy presso il reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Buzzi. Tale progetto si è sviluppato ed è sempre andato avanti negli anni. A causa della situazione epidemiologica il progetto si è fermato a fine febbraio 2020 e non è ancora potuto riprendere ma sia il Club che la Onlus avevano il desiderio di continuare ad operare a favore dei bambini coinvolgendo anche gli animali. Da qui l’idea di sviluppare un progetto di Ippoterapia e dai rapporti rotariani esistenti e con quelli con il Comandante Fusco del carcere di Opera si è riusciti a pensare in dettaglio e predisporre l’avvio di tale progetto. Al progetto prendono parte oltre al Club ed alla Onlus anche il Rotary Milanofiori ed il Rotaract Milano Duomo. E’ un ottimo esempio di collaborazione e di unione delle forze.

Gli incontri di Ippoterapia si svolgono presso il ranch all’interno del carcere di Opera e gli operatori sono dell’Associazione Giacche Verdi Lombardia che già opera all’Idroscalo di Milano. Il progetto è partito ufficialmente con le prime sessioni nel Febbraio 2021 nonostante la situazione pandemica vigente e tutti i sostenitori del progetto sono d’accordo nella prosecuzione anche nell’anno rotariano 2021-2022.

8. Pet Therapy

Progetto in collaborazione con Milano Duomo Onlus ove vengono svolte delle sedute di Pet Therapy nel reparto di Terapia Intensiva del Buzzi, unico caso di ingresso di animali in un reparto di terapia intensiva. Il progetto è in continuità da diversi anni con la Onlus.

9. Scambio professionale con l’India

Dall’idea dei GSE (Group Study Exchange) il Club grazie all’aiuto ed ai contatti della socia Alessandra Faraone ha sviluppato un progetto di scambio professionale con l’India. In particolare la nostra socia Lucia Barucco è andata in India ad inizio febbraio 2020 prima dell’inizio della pandemia con l’obiettivo completamente soddisfatto di vedere esempi di gestione dei farmaci e delle farmacie in un Paese come l’India. Barucco è tornata arricchita dall’esperienza professionale oltre che rotariana che l’ha vista anche partecipare attivamente con un intervento al Congresso del Distretto 3011.

Purtroppo a causa dello scoppio della pandemia non vi è ancora stata la possibilità di ospitare la controparte indiana e contraccambiare l’ospitalità portando a termine il progetto. Il progetto rimane in attesa di poter essere portato a termine appena possibile.

10. Mentorship

Progetto in collaborazione con il Rotaract Milano Duomo in cui, a partire dalle richieste dei soci rotaractiani in termini di professionalità ed esperienze lavorative, i soci rotariani affiancano il rotaractiano per dare aiuto e risposta con il proprio esempio e professionalità a tali richieste.